Pubblicato in: Destinazioni, EUROPA, SPAGNA

Don Chisciotte e i piatti tipici della Mancha

Conoscete la Mancha?

Probabilmente avrete sentito nominare la regione della Mancha o la ricorderete per i racconti di Miguel Cervantes e le rocambolesche avventure di Don Chisciotte nella sua lotta contro i mulini a vento insieme al suo fido scudiero Sancho Panza.

La regione della Mancha si trova nel centro della Spagna poco sotto Madrid e comprende parte delle province di Toledo, Cuenca, Ciudad Real e Albacete. Potete trovare qui il post sulla bellissima città arroccata tra due gole: Cuenca.

La Mancha non è solo Cervantes però il suo spirito aleggia in quasi ogni angolo della regione: dalle riproduzioni a grandezza naturale di Don Chisciotte e Sancho Panza sparse per le città alle loro miniature di ferro in vendita nei negozi, dal museo di Don Chisciotte alla Ciudad Real alle statue in bronzo, sempre dei due paladini, davanti ai Mulini a Vento di Mota del Cuervo.

Mulini a Vento di Mota del Cuervo e statua Don Chisciotte
Mulini a Vento di Mota del Cuervo

L’itinerario di Don Chisciotte

Per gli amanti di questo racconto consiglio di percorrere l’itinerario chiamato “Ruta de Don Quijote” seguendo il quale è possibile, non solo vedere da vicino i luoghi narrati da Cervantes, ma ritrovarsi a sognare ad occhi aperti davanti ai mulini a vento così come il protagonista e ritrovarsi magicamente catapultati nel medioevo a combattere contro giganti dalle braccia rotanti ed eserciti arabi.

A completare questo fantastico itinerario non può mancare l’aspetto gastronomico.

I piatti tradizionali

La cucina di questa regione è una cucina povera, contadina, fatta di ingredienti semplici e facili da reperire come il pane,  la carne e gli ortaggi, piatti che si accompagnano ai suoi vari vini e formaggi e che ci riportano sognanti all’epoca medievale.

Ad Almagro è possibile assaggiare la Beranjanas de Almagro. Si tratta di un particolare tipo di melanzana coltivata nella zona di Almagro e della Ciudad Real. Queste melanzane vengono raccolte quando sono ancora piccole e tenere. Dopo esser state cotte, vengono sottoposte ad un processo di fermentazione e stagionatura poi vengono condite con aceto, olio, sale, cumino, aglio, paprika e acqua. Solitamente si trovano ripiene con peperoni (come potete vedere nella foto sotto).

Beranjanas de Almagro
Beranjanas de Almagro

Il formaggio più famoso è il Queso Manchego, un formaggio che può durare fino a due anni se conservato sott’olio. Questo formaggio di pecora, tipico della Mancha, è anche citato da Cervantes nel suo romanzo poiché ne sono ghiotti i due protagonisti. Non a caso il logo dell’ente che tutela questo formaggio rappresenta una forma di Queso con dietro le pecore e, potevano mancare loro? Don Chisciotte e Sancho Panza!

Queso Manchego
Queso Manchego in vendita nei negozi di Almagro

Il Lomo de Orza, è un piatto tipico della cucina castigliano-manchego e principalmente di Ciudad Real, Albacete e Cuenca. Si tratta di lombo fresco di maiale marinato con spezie come chiodi di garofano, cannella, pepe nero, alloro, aglio, origano e limone e poi fritto a fuoco molto lento. Una volta cotto viene fatto raffreddare in una pentola di terracotta. La carne viene poi conservata in barattoli chiamati per l’appunto orza dove può rimanere fino a 6 mesi.

Tapas varie
Da sinistra: Beranjanas de Almagro, Lomo de Orza e Queso manchego

E ancora…

Il mio piatto preferito è il Pisto Manchego e assomiglia un po’ alla nostra peperonata. In rete si trovano parecchie ricette ma, quella originale manchega, parola della madre di Pedro Almodóvar ha solo due ingredienti: peperoni verdi e pomodori. Qui potete trovare la videoricetta. Il tempo di cottura è molto lungo, da un’ora a un’ora e mezza, al termine della quale si impiatta con sopra uova all’occhio di bue o altri ingredienti, nella foto sotto con asparagi bianchi.

Un piatto simile al Pisto, sia nella preparazione che nella presentazione, è l’Asadillo Manchego. Si fanno arrostire peperoni e, dopo averli spellati, viene aggiunto il pomodoro in una pentola di terracotta, dove si termina la cottura. Viene aggiunto, quindi, al centro un uovo sodo, tagliato a fette o sbriciolato e portato in tavola nel recipiente di cottura.

La Gacha Manchega è una crema di farina di cicerchia tostata con l’aggiunta di pancetta di maiale, aglio e paprica. In origine era il cibo di pastori e contadini, un piatto tradizionale dei freddi giorni invernali. In altre regioni della Spagna si possono trovare varianti simili.

Gachas Manchegas
Gacha Manchega

Così come la Gacha, anche la Miga Manchega ha origini contadine. Migas in spagnolo significa letteralmente “briciole”. Il principale ingrediente di questo piatto, infatti, è il pane raffermo in aggiunta a salsiccia, pancetta e decorato con uva fresca. Le Migas sono tipiche di tutto il centro-sud della penisola iberica ma anche di parte del Portogallo.

Migas e Asadillo
Da sinistra: Pisto e Migas

Il più famoso…

Questa carrellata di prelibatezze manchege termina con il piatto più famoso nonché controverso: Duelos y Quebrantos. Questo piatto è nominato nel Don Chisciotte ma si dubita che nella realtà sia mai esistito. Alcuni autori sostengono che, anche il nome potrebbe essere inventato da Cervantes. Anche a me sembra un po’ strano che un piatto possa chiamarsi “Duelli e Dolori”, infatti,  nella versione italiana del libro il piatto è stato tradotto come “Frittate Rognose”. Chissà perché Rognose? Frittate ci sta visto che i suoi ingredienti principali sono uova strapazzate, salsiccia e pancetta di maiale.

Migas e Asadillo
Da sinistra: Duelos y Quebrantos e Asadillo

Per concludere, un consiglio: se avete in programma di partire per la Mancha sulle orme di Don Chisciotte, al vostro rientro, state lontani dalla bilancia!

Buon viaggio e buon appetito!

5 pensieri riguardo “Don Chisciotte e i piatti tipici della Mancha

  1. Bravi ad aver percorso questo itinerario letterario! La Manca non è da tutti… Io mi sento una Don Chisciotte in gonnella, per cui la zona è assolutamente adatta a me 😅 I piatti da voi descritti saranno pure semplici ma ce ne fosse uno che non mi ispira!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *